Programma.

AMBIENTE, MOBILITA’ E CURA DELLA CITTA’

Uno dei compiti fondamentali di una buona amministrazione è la cura, la pulizia, la manutenzione di strade, parchi, spazi comuni e la scelta di investire sul verde pubblico e sui servizi che possono davvero fare la differenza nella qualità della vita delle nostre famiglie.

Il degrado, la sporcizia e lo stato di abbandono della città, delle sue strade, dei suoi marciapiedi e degli spazi verdi, quello che abbiamo tutti sotto gli occhi quando ci chiudiamo alle spalle la porta di casa, si combatte con un’attenzione costante, un’azione continua e un’organizzazione efficiente e programmata che non lascia nulla al caso.

Il sistema ambiente e la cura della Città devono essere principi ordinatori dell’attività amministrativa; risorse che sono sinonimo di salute e  rispetto per le persone che vivono a Novara: la qualità della vita e il benessere passano anche da qui.

Ecco quello che faremo:

Attiveremo un numero telefonico verde comunale (il nome del servizio sarà “Chiama il tuo sindaco”) per segnalare criticità legate a rifiuti, sporcizia, buche stradali, disservizi, al quale risponderanno operatori dedicati che riferiranno direttamente al Sindaco.

Faremo interventi continui su strade, marciapiedi, parchi e ambienti comuni, attraverso il monitoraggio e il controllo da parte di un nucleo specializzato: a quest’azione verrà affiancata una conseguente programmazione calendarizzata di interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione.

Attueremo una politica di progettazione del verde pubblico. Dalla piantumazione di nuovi alberi, alla cura di aiuole e rotonde: pulizia e ordine sono un biglietto da visita imprescindibile per una città che vuole vivere anche di turismo e che ha l’ambizione di essere amata e apprezzata dai propri cittadini. Strade, giardini e piazze devono letteralmente rivivere attraverso piccoli e grandi interventi, sostituzioni di arredi pubblici fatiscenti e la predisposizione di un’illuminazione adeguata nelle aree del centro e della periferia.

Promuoveremo la cura e il controllo dei parchi verdi con interventi mirati a soddisfare le diverse fasce di popolazione, attraverso la sostituzione e l’implementazione di giochi e panchine, la creazione di percorsi salute e per il jogging, la progettazione di nuove piste ciclabili (soprattutto per collegare le periferie con il sistema dei Baluardi, invece perfettamente all’avanguardia) che da troppi anni non vengono più realizzate.

Dedicheremo la dovuta attenzione ai nostri amici animali e alle necessità delle famiglie che li tengono con cura e amore.

Chiederemo il totale rispetto del Regolamento di Tutela degli Animali, troppo spesso disatteso o ignorato.

Ci impegneremo, in particolare, nel controllo del randagismo canino e felino promuovendo campagne di sterilizzazioni e nel contrasto alla maleducazione di chi non raccoglie gli escrementi dei propri cani, attraverso sanzioni esemplari.

Sosterremo la bio-edilizia, al fine di incentivare iniziative edificatorie che utilizzino fonti di energia pulite, materiali naturali e non inquinanti e promuoveremo investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli edifici comunali (in primis delle scuole), per migliorare la qualità dell’aria, ridurre i costi di gestione e liberare risorse dal bilancio comunale.

Miglioreremo ulteriormente il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti da troppi anni fermo sugli stessi livelli. In particolare, sperimenteremo sistemi di tariffazione puntuale, in modo da legare il costo del servizio all’effettivo utilizzo e premiare i cittadini più virtuosi.

Attiveremo immediatamente un coordinamento con il Consorzio Basso Novarese per individuare una soluzione urgente al tema relativo alla discarica di Barengo che esaurirà la sua capacità entro i prossimi 2 o 3 anni.

Ci attiveremo per garantire lo stesso livello di qualità, sia alle case dell’acqua, sia nelle abitazioni dei cittadini, attivando un tavolo di coordinamento con gli amministratori di condominio e Acqua Novara VCO S.p.A., in modo tale da garantire, in prospettiva, una riduzione dei consumi di acqua in bottiglia e di conseguenza, una riduzione della plastica da smaltire oltre che dei costi per i novaresi.

Avvieremo forme di collaborazione con la Regione Lombardia, Regione Piemonte e il Comune di Milano per realizzare una forma di integrazione tariffaria e di orario dei sistemi di trasporto collettivo, con servizi di migliore qualità per i pendolari novaresi.

Il piano MUSA non ha sostanzialmente raggiunto alcun obiettivo né sotto il profilo ambientale né sotto il profilo della riduzione del traffico, riducendo l’uso dei mezzi privati a favore di quelli pubblici. Riteniamo necessario pertanto ripensare il piano, concordando con la Società concessionaria alcune variazioni che modifichino scelte che riteniamo inique e spropositate sia per i lavoratori che per i residenti.

Revisioneremo il Piano Urbano del Traffico, studiando le forme più efficaci per garantire un miglioramento della circolazione cittadina.

Potenzieremo sistemi intelligenti di ricarica elettrica a uso dei mezzi pubblici e privati reperendo risorse da operatori privati e a livello internazionale.

Implementeremo la rete di piste ciclabili che collegano il centro ai quartieri residenziali decentrati. La crescita sociale passa anche dalla mobilità, avvicinando gli spazi e le persone.